Oggi voglio parlarvi di Rendimax, il mio primo conto deposito, aperto nell’ormai lontano Agosto 2011. Prima di giungere a questa scelta non vi nascondo che ho fatto una serie di ricerche per capire chi è la società, in cosa investe i soldi che depositiamo con fiducia, e, soprattutto, quali sono le garanzie.

Sono un investitore prudente è vero, ma la prudenza non è mai troppa quando si “gioca” con i soldi sudati giorno per giorno.

Quello che alla fine tutti noi cerchiamo è la massima sicurezza e il massimo rendimento. Dopo varie comparazioni ed analisi sono giunto alla conclusione che solo Rendimax soddisfa pienamente tutte le condizioni per me fondamentali.

Massimo rendimento: il tasso d’interesse va da un minimo del 2,25% per il deposito libero ad un massimo del 4,85% per il deposito vincolato. Oggi è al top di tutte le classifiche presenti sui siti di comparazione tassi e riviste finanziarie quali Il Sole 24 Ore o Milano Finanza.

Massima garanzia: le somme depositate sono garantite dal FITD fino a 100.000 euro, ma questo tipo di tutela vale anche per le somme che deteniamo in un conto corrente bancario.

Per una persona prudente come me, non basta, ho bisogno di sapere che giro fanno i miei soldi. Banca Ifis è una società specializzata nel finanziamento alle imprese (Factoring). Le somme depositate NON sono investite in strumenti finanziari derivati, quindi anche da questo punto di vista possiamo tare tranquilli.

In tema di sicurezza è bene precisare che tutte le somme transitano solo attraverso conti a te intestati, dal conto deposito al conto predefinito e viceversa.

Massima libertà: oltre al deposito libero che ci permette di prelevare le somme in qualsiasi momento, Banca Ifis ha lanciato un nuovo prodotto denominato Rendimax Like che unisce il vantaggio di un tasso elevato – tipico di un conto vincolato – parliamo di un 4,00%, al vantaggio tipico di un deposito libero, ovvero la possibilità di prelevare le somme con un preavviso di 33 giorni.

Informazioni generiche su Rendimax

Per aprire il conto bastano veramente pochi minuti, compilare un breve form con dati anagrafici e bancari e saremo operativi nel giro di pochi giorni. E’ necessario, infatti, attendere l’invio del codice di accesso personale, una volta spedita la documentazione firmata ed inoltrato il primo bonifico ai fini del riconoscimento a distanza.

Nel mio caso l’intero iter di apertura si è concluso in 5 giorni lavorativi.

Passiamo adesso a valutare i costi del conto. Normalmente, qualsiasi investimento è soggetto a costi e commissioni. Nel caso di Rendimax non dovremo sopportare alcun costo di apertura conto, chiusura o trasferimento fondi.

Sotto il profilo fiscale quali sono i costi ?

Anche da questo punto di vista Rendimax rimane attualmente imbattibile. E’ vero che la tassazione degli interessi pari al 20% è la stessa per tutti i conti, ma per l’imposta di bollo la situazione è differente, considerando le attuali disposizioni del Governo Monti.

La maggior parte dei conti deposito che fino a qualche mese fa proclamava “anche l’imposta di bollo la paghiamo noi” adesso si nasconde sotto la dicitura “imposta di bollo secondo la normativa vigente”, un modo “elegante” per dire che l’imposta è a carico del cliente !

Ebbene, Rendimax ancora oggi continua a pagare l’imposta di bollo !

Questo elemento contribuisce non di poco a mantenere elevato il tasso di interesse netto (effettivo) !

Per maggiori informazioni vai al sito ufficiale di Banca Ifis

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>